Crea sito

Oche

Famiglia di oche

Le oche sono state addomesticate per secoli. In Occidente, le oche da cortile discendono da quella selvatica, ma l’ allevamento dell’oca è stato praticato fin dall’ antichità in Mesopotamia e in Egitto (Oca selvatica Anser anser) e nell’Asia orientale (Oca cignoide Cygnopsis cygnoides).

Rispetto all’anatra, l’oca è più pesante e goffa con piumino più abbondante e morbido. Migliore camminatrice dell’anatra ma meno abile nuotatrice. La voce è rauca e sgradevole. Non è presente muta eclissale.
Le oche utilizzano molto bene il pascolo (tanto da poter essere definite “erbivore”) ed anche mais foraggero, bietole, carote ed altre radici che riesce a lacerare col becco. Catturano anche invertebrati se ne hanno l’opportunità inoltre assaggiano qualunque nuovo genere di cibo commestibile venga loro offerto.

Le oche solitamente si accoppiano con lo stesso partner per tutta la vita, ma un piccolo numero di esse può “divorziare” e cercarsi un nuovo compagno. Tendono a deporre un numero di uova più basso delle anatre, ma entrambi i genitori proteggono il nido e i piccoli, che solitamente hanno un tasso di sopravvivenza più alto rispetto a quelli allevati da un solo genitore. In genere il numero di uova deposte dall’oca è 100-110 uova all’anno.

Maschio d'oca

CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE

Razza di taglia piccola, i maschi da adulti raggiungo i 5-6 kg di peso invece  le femmine i 4-5 kg.
Mantello bianco, becco largo, forte, attaccato alto, arancione con unghia carne.
Zampe mediamente lunghe, color arancio intenso. Occhi azzurri con caruncola oculare rossa.

Le oche da me allevate sono tutte bianche ed i pulcini sono tutti nati da cova naturale dell’oca.

Coppia

 

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.
Leave a Reply

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*